Giovanni March - La grafica

Catalogo delle opere

Nuovo prodotto

ISBN 9788899112394

€ 25,00

Condividilo su:

Giovanni March nasce a Tunisi il 2 febbraio 1894.
Nella primavera del 1908 è registrato all’anagrafe di Livorno proveniente da Alessandria di Egitto.
Nel 1917 riceve la chiamata alle armi e parte per il fronte; la moglie, Amabile, resta a Quercianella. Nello stesso anno nasce il figlio Henry, familiarmente chiamato Buby.
Dal maggio del 1928 al maggio del 1930 soggiorna in Francia: dapprima a Cannes, ospite dell’ingegner Rosselli, e poi a Parigi. Non tralascia brevi viaggi in Provenza.
Nell’inverno del 1931-1932 si trasferisce con la famiglia a Roma in un appartamento in piazza Barberini. Qui allaccia rapporti di amicizia con noti pittori come Onorato, Carlandi, Guttuso, Mafai, Ciardo, Casorati e altri, rapporti che perdurarono nel tempo come risulta dalla corrispondenza d’archivio. Resta nella capitale fino alla primavera del 1935 quando rientra a Livorno.
Dalla primavera del 1937 fino al 1965 vive a Firenze. In questi anni tuttavia torna frequentemente a Livorno; nel 1961 trascorre assieme alla moglie una vacanza a San Vincenzo, ospite della famiglia Biagi di Venturina.
Nel giugno del 1965 trasferisce definitivamente la propria residenza a Livorno.
Negli anni 1966-1968 frequenta la cittadina di Vada: dipinge varie impressioni della spiaggia.
Il 31 dicembre 1968 muore sua moglie.
Nel 1971 March effettua viaggi a Mosca e a Odessa.
Nel 1972 insieme alla nuora, Lorena Fantini, fa un viaggio fino a Durham in Scozia, ospiti dell’amico, pittore anch’egli, Ernesto Mussi. Al ritorno si ferma a visitare la città francese di Reims, della cui cattedrale traccia alcune impressioni a matita.
Il 30 ottobre 1974 Giovanni March cessa di vivere nell’ospedale di Livorno.

Il volume raccoglie la sua produzione grafica

Pagine224
Formato22x29,5 cm
Illustratoillustrato a colori
Confezionebrossura
  • Lorena Fantini March

    Lorena Fantini March, fiorentina, ha sempre amato l’Arte in tutte le sue manifestazioni con particolare interesse per la storia della sua città studiata con amore nei dettagli. Sposa Henry March, figlio del pittore Giovanni March. Vive le frequentazioni della famiglia, dei tanti amici, troppi per citarli tutti. Solo alcuni esempi: Mario Borgiotti, Guido Peyron, l’editore Arnaud a Firenze e a Livorno Giulio Allori, Nedo Luschi, Luciano Bonetti, tutto il brulicante, vivo popolo di pittori livornesi e molti altri esponenti del fecondo ambiente artistico nazionale del ’900. È stata per dieci anni Presidente del Centro Culturale Toscana Arte “Giovanni March”. È da tempo Segretaria della “Antica Compagnia del Paiolo” a Firenze.

    Vedi tutti i libri di Lorena Fantini March

  • Giuseppe Argentieri

    Giuseppe Argentieri, brindisino di nascita, vive a Livorno dal 1962. In questa città impara a conoscere ed amare l’arte in generale e la pittura in particolare avendo come scuola le Gallerie d’Arte della città e gli altri luoghi di frequentazione dei pittori labronici. A partire dagli anni ’80 si fa promotore di mostre ed incontri-testimonianze sulla pittura e sui pittori livornesi, sia nella veste di presidente dell’Associazione di pittori “Toscana Arte - Giovanni March” che come componente del Consiglio, e poi Sindaco Revisore, del Gruppo Labronico.
    Ha scritto e pubblicato articoli sull’arte dell’incisione; ha curato un volume sulla poesia e uno sulla grafica di Benvenuto Benvenuti; sulla pittura del labronico Masaniello Luschi; sulla pittura di Giovanni March e, con Luciano Bonetti un volume sui gruppi ed associazioni di pittori costituitisi ed operanti a Livorno tra il 1920 e il 2000, arricchito con note biografiche sugli artisti passati da Livorno o vissuti in questa città.

    Vedi tutti i libri di Giuseppe Argentieri

Forse ti interessa anche