Nella rete del mago

MAGIE COINVOLGENTI DA TAVOLO, SALA E PALCO

Prefazione di Teller

Nuovo prodotto

ISBN 9788895631851

€ 40,00

Condividilo su:

“Non c’è nemmeno l’ombra di una scemenza in queste pagine. Se mi somigliate, dalla loro lettura uscirete cambiati, ispirati ed eccitati. Tutto ciò che potete aspettarvi dall’esibizione di un grande artista.”
Teller

 

Questo volume riunisce ed espande materiale che Eric Mead aveva in parte pubblicato privatamente alcuni anni fa, subito andato esaurito e rivenduto su eBay per centinaia di dollari: effetti dal suo repertorio professionale e saggi sulla presentazione, sul rapporto con il pubblico, sulla psicologia della magia.
Effetti di cartomagia, monete e mentalismo adatti al tavolo, al salotto e alla scena, pensati non solo per essere illusivi, ma per intrattenere in modo diretto e brillante. Un libro per chi desidera portare la propria esibizione ad un più alto livello, sia nella tecnica che nella presentazione.

La maggior parte degli effetti descritti utilizza oggetti presi a prestito, come monete, banconote, tovaglioli di carta, libri, biglietti da visita, persino le carte da gioco.
Grande attenzione è dedicata alla costruzione dell’effetto, a come coinvolgere gli spettatori e sfruttare la situazione per eseguire effetti che hanno del miracoloso.
Più che una serie di “giochi”, un modo evoluto di pensare e fare magia.

In queste pagine, fra le molte cose, scoprirete:

  • come si lavora muovendosi fra il pubblico
  • un incredibile scambio di monete che avviene nelle mani di uno spettatore
  • la sorprendente apparizione di una bottiglia di birra
  • una routine con i quattro Assi che stupisce anche gli esperti
  • le strategie più efficaci per gestire un mazzo preordinato o mnemonico
  • cartomagia jazz e "Il trucco che non si può spiegare"
  • una gag con un finale stupefacente che lascia al pubblico un oggetto in ricordo del vostro "miracolo"
  • una carta scelta che viaggia arrivando in tre bicchieri diversi
  • un intrigante effetto di magia per bambini
  • un’elegante previsione con delle cravatte
  • effetti di mentalismo...
  • ... e molto altro...

 

“Un libro fantastico e profondo. Da leggere assolutamente!”
Max Maven

 

Per saperne di più, leggi la prefazione di Teller!

  

Traduzione: Marco Fida
Pagine192
Formato16x24 cm
Illustratoillustrato
Confezionebrossura
Anno2013
  • Eric Mead

    Eric Mead, americano, è uno dei più richiesti ed apprezzati professionisti della scena magica internazionale. 
    Per anni si è dedicato al pubblico e solo di recente ha iniziato a condividere con la comunità dei prestigiatori le sue idee e le sue tecniche, basate sui classici ma reinterpretate alla luce della sua esperienza.

    Nella sua prefazione, Teller scrive:
    “A quarant’anni, Eric ha passato più tempo sul palco di quanto non ne passi la maggior parte dei maghi in tutta una vita. Per quattordici anni, quattro sere a settimana, sei ore a sera, Eric si è esibito al Tower Bar di Aspen. Nella sua carriera di mago ha lavorato in strada, sulle navi da crociera, nei ricevimenti e oggi spesso si esibisce come intrattenitore e presentatore in importanti convegni aziendali. Quando lavora per eventi privati (una grossa fetta del suo lavoro), i suoi clienti sono celebrità come Jeff Bezos (il fondatore di Amazon.com), Michael Eisner (ex capo della Disney), Michael Douglas, Catherine Zeta-Jones, Kevin Kostner e Jack Nicholson. E, nel film The Aristocrats, Eric è l’unico interprete che esegue un gioco di magia con le carte.”

    Vedi tutti i libri di Eric Mead

Prefazione


di Teller





Da ragazzo, Eric Mead ambiva a diventare un prestigiatore che avrebbe girato il mondo tenendo lezioni per i colleghi. Ma, a diciannove anni, dopo un solo giro di conferenze, scoprì che preferiva di gran lunga esibirsi piuttosto che insegnare. Non voglio dire che Eric sia uno snob o un eremita. Tutt’altro. Adora condividere e collaborare con quei prestigiatori che prendono seriamente ciò che fanno. Ma non è questo lo scopo della sua vita.


Sono contento che Eric abbia fatto questa scelta. Frequentare il “ghetto dei maghi” è un trastullo piacevole, ma incestuoso.


Io stesso amo partecipare ai convegni magici e crogiolarmi tra i gadget delle case magiche, e sono affascinato dall’entusiasmo dei cartomaghi che passano la notte al tavolino di un caffè sognando di dominare il mondo grazie a una sottigliezza nell’eseguire il miscuglio Zarrow.


Tuttavia, non sono sicuro che partecipare a questa specie di “collettivo magico” giovi davvero all’idea che il pubblico ha della nostra arte. Spesso, sento gli spettatori lamentarsi che «i prestigiatori sono tutti uguali». È comprensibile. Negli spettacoli dei convegni magici, il quarto mago che si esibisce sarà, quasi certamente, poco originale, anche se la sua tecnica è innovativa o se racconta di tre fantasmi che infestano una casa dopo l’altra. La gioia del condividere ha i suoi aspetti negativi.


Un ulteriore motivo per il quale sono contento che Eric abbia aspettato vent’anni a scrivere il suo primo libro importante è che ha speso questo tempo a imparare come il pubblico vede le cose, un risultato che chi bazzica il “ghetto magico” non raggiungerà mai. A quarant’anni, Eric ha passato più tempo sul palco di quanto non ne passi la maggior parte dei maghi in tutta una vita. Per quattordici anni, quattro sere a settimana, sei ore a sera, Eric si è esibito al Tower Bar di Aspen. Nella sua carriera di mago ha lavorato in strada, sulle navi da crociera, nei ricevimenti e oggi spesso si esibisce come intrattenitore e presentatore in importanti convegni aziendali. Quando lavora per eventi privati (una grossa fetta del suo lavoro), i suoi clienti sono celebrità come Jeff Bezos (il fondatore di Amazon.com), Michael Eisner (ex capo della Disney), Michael Douglas, Catherine Zeta-Jones, Kevin Kostner e Jack Nicholson. E, nel film The Aristocrats, Eric è l’unico interprete che esegue un gioco di magia con le carte.


Com’è che Eric riesce a ottenere ingaggi così esclusivi? Forse perché fa la doppia presa meglio dell’esperto di cartomagia del club magico che frequentate? Beh, sì, la sua tecnica è migliore. Ma il motivo per il quale persone intelligenti e di classe vogliono Eric è che anche lui ha intelligenza e classe. È colto, garbato e brillante, con quel tanto che basta di malizia, franchezza e simpatica volgarità, quasi un Jay Marshall dell’era elettronica. Non è un caso che Eric sia così poliedrico. Legge tre o quattro libri al mese. Ha studiato arte, musica, scienza, scacchi e ballo da sala. Viaggia. Ha senso dell’umorismo. È aggiornato su ciò che succede, nella cronaca e nello sport. In una parola, è “uno di mondo”, il genere di persona che i suoi clienti sarebbero ben felici di avere come ospite anche se non sapesse fare il miscuglio Zarrow.


In questo libro, Eric deplora il fatto che così tanti maghi siano insipidi, nel tentativo (pensate!) di risultare “inoffensivi”, cioè di piacere sempre e comunque al pubblico. Eric apprezza che chi si esibisce abbia un proprio punto di vista. Ovviamente, è proprio ciò che vorrebbe anche il pubblico quando dice che i prestigiatori «si somigliano tutti». L’arte non richiede attrezzi costosi o tecniche vistose, ma non può prescindere dall’avere un punto di vista, dalla sensibilità personale, dal provare amore, odio o desiderio. Edgar Allan Poe, nelle sue Marginalia, scrive che ciò che un uomo dovrebbe fare per rivoluzionare, in un sol colpo, tutto il pensiero umano... è scrivere e pubblicare un libro molto piccolo. Dovrebbe avere un titolo essenziale, poche semplici parole: “Vi apro il mio cuore”. E il suo contenuto dovrebbe essere all’altezza del titolo.

Il che ci riporta a questo libro. Eric scrive quasi sempre in prima persona, vi dice cosa pensa, ama, odia e desidera. Si legge come un romanzo, in cui Eric vi apre il suo cuore, cosicché possiate apprezzarne l’anatomia, con tanto di cavità e valvole. Non mi riferisco alla sua vita familiare o ai suoi vizi segreti. Questo libro rivela i mezzi (come le sottigliezze con il mazzo memorizzato e l’orribile vendetta de “Il coniglietto e la banconota”) con i quali Eric seduce la sua Musa e si guadagna da vivere.
Non c’è nemmeno l’ombra di una scemenza in queste pagine. Se mi somigliate, dalla loro lettura uscirete cambiati, ispirati ed eccitati. Tutto ciò che potete aspettarvi dall’esibizione di un grande artista.


Teller

Forse ti interessa anche